Dopo e oltre Bibbiano Con Paolo Roat

Published January 21, 2022 6 Views

A metà del percorso del procedimento giudiziario, la prima sentenza di condanna di Foti ha sancito che i fatti di Bibbiano non sono il prodotto perverso di una mente distorta e accecata dal dogmatismo, ma l'esito di un modus operandi, di un sistema. Al netto delle pressioni politiche e di cali di attenzione dell'opinione pubblica le sentenze future del rito ordinario confermeranno lo stato delle cose- E', però, solo un primo e parziale passo. Il processo sta ricostruendo, come ovvio che sia, dinamiche e fatti localizzati. Il metodo Bibbiano è purtroppo generalizzato e copre a macchia di leopardo l'intero territorio nazionale. Occorrono altre indagini; occorre soprattutto una svolta politica che affronti il contesto, le procedure, le incrostazioni e i centri di interesase che alimentano questa macchina infernale. Le iniziali strumentalizzazioni politiche come pure il silenzio successivo non hanno giovato alla causa. La complessità del problema richiede una capacità di intervento ed una articolazione di proposte particolarmente accurata e coordinata. Si va dal problema della formazione del personale a quello della separazione e della attribuzione precisa delle competenze ad iniziare dalle funzioni di controllo e decisionali proprie di giudici ed ispettori, a quello infine della definizione della natura privata o pubblica degli enti operativi e delle capacità di indirizzo e di controllo di enti pubblici, in particolare i comuni, troppo piccoli e compromessi con le lobby locali del settore da poter consentire un controllo ed un indirizzo adeguato di un servizio così delicato. Il movimento che si è sviluppato in questi ultimi due decenni ha grandi meriti, ma deve superare definitivamente la fase nascente propria e meritoria che porta ad inseguire i casi singoli, per inglobare questi ultimi in un contesto di denuncia generale del sistema e di proposte alternativee che in maniera disorganica comunque maturano e cominciano a diventare senso comune. Bisognerà allargare quelle linee di frattura interne ai partiti che quà e là affiorano grazie alla pervicacia e alla ostinazione di interessati e coinvolti dolorosamente dal problema. Buon ascolto, Giuseppe Germinario

Loading comments...