Roma di Sera – Puntata di Giovedì 7 Marzo 2024

1 month ago
256

A "Roma di Sera" parliamo degli "affitti brevi" e del boom del settore "extra alberghiero" a Roma, soprattutto nel centro storico. I residenti "entro le mura" negli anni '60 erano 330mila, oggi sono 100mila. 

"Sono dati che dicono tutto - commenta Roberto Tomassi, giornalista di "Diario Romano" - e quello che sta avvenendo è il cosiddetto urbanicidio, cioè la città si svuota e con lei i negozi e i servizi, per far posto soltanto ai turisti che trovano sempre più luoghi svuotati dai residenti. Ma tutto questo fenomeno andrebbe governato...".

"Siamo sempre stati a disposizione delle istituzioni - dice Johnny Malerba, Pres. naz. di "Anbba", che si presta al confronto - ma il Campidoglio si limita a fare dichiarazioni contro di noi, eppure gli affittacamere regolari pagano tutto, comprese le sanzioni sulle tasse di soggiorno, mentre alle migliaia di abusivi non viene fatto nulla. E' assurdo che si continui così... Siamo pronti anche a studiare misure sperimentali con l'amministrazione, ma se nessuno ci convoca, come se interessi solo fare dichiarazioni strumentali. Ora il fenomeno sta sfuggendo di mano e lo diciamo anche noi, con il proliferare di agenzie che cercano appartamenti, con tanti improvvisati, ma l'accoglienza è una cosa seria...".

"Siamo d'accordo sul fatto che alla fine a Roma a guadagnarci sono sempre gli abusivi, in ogni settore", risponde Tomassi, "perché se i fenomeni non si affrontano e le regole non si fanno rispettare, allora succede questo".

Al "Bioparco" di Roma è stata presentata "Kala", una "tigrotta di Sumatra" di tre mesi, e le immagini bellissime stanno facendo il giro dei social. "Si può dire che è romana, perché è nata qui - racconta Paola Palanza, la Presidente della "Fondazione Bioparco" - e siamo orgogliosi di curare e proteggere gli animali a rischio, come queste tigri che sono rimaste soltanto 500 al mondo. Ma il Bioparco è molto altro e i romani vengono a trovarci in tanti. Consiglio gli abbonamenti perché sono molto convenienti per le famiglie".

Domai si festeggerà l'8 marzo e presso l'Accademia di Ungheria, in via Giulia, ci sarà una bellissima mostra fotografica ad ingresso gratuito, dal titolo "CaraDonna". 

"Siamo giunte all'ottava edizione - spiega Gemma Rubeo - ed ormai è cresciuta una comunità di donne, che si raccontano e si danno reciproco sostegno tra loro. Le foto rappresentano donne di tute le età e provenienze, che sui corpi si lasciano scrivere messaggi da diffondere dalle une alle altre. Tutti sono invitati e possono aderire al nostro progetto".

Loading comments...