Message for “Truth for Health Foundation”

Published December 4, 2021 24,865 Views

Dear Friends,

Allow me to address you as you denounce the most controversial and disturbing aspects of the experimental gene serum with great and commendable commitment. Your battle for scientific truth, coupled with increasingly coordinated action by countless scientists and doctors around the world, is opening the eyes of many people who have allowed themselves to be misled by the false promises of health authorities, by the discordant opinions of experts and by media propaganda.

I will not go into the merits of the health issue in itself, as you are much better informed than I am. Allow me to bring to your attention some reflections, observing the entirety of what is happening without focusing on specific details.

It now seems clear to me that the main purpose of this grotesque health charade is the imposition of a control system for individuals, implemented through the so-called green pass. We know that the health passport had been designed years ago, but that in order to make it mandatory it was necessary to create a pandemic emergency and force the population - through blackmail or the threat of sanctions - to allow themselves to be injected with an experimental drug for which the producer, the State, and whoever administers it do not assume any responsibility, pouring it instead onto the patient. Just yesterday, the FDA decided to make public the reasons for approving the Pfizer vaccine only in 2076: this gives ample proof of the criminal mind behind the screen of public health.

We see therefore that we have an elite of criminals, gathered together in the World Economic Forum to conceive the Great Reset and in the United Nations to implement the Agenda2030, who have decided to decimate the population of the planet through some "scenarios" described in detail. They destroy national economies, cause poverty and unemployment, create discrimination and violations of fundamental rights with the sole purpose of controlling survivors, tracing their movements, modifying their lives, deciding their thinking, and establishing their health regime. This work includes the collaboration of rulers, public officials, doctors, magistrates, law enforcement agencies, the media and - as if that weren’t enough - even religious leaders. Calling it a “conspiracy theory” is an understatement: it is a coup d’état pursued with a clear mind and determination, a crime against humanity. Its purpose is precisely to control us: to make us slaves and customers of a system that is about to implode, in which those who have made the most profits in the past creating the crisis, are now preparing to carry out the “fourth industrial revolution” - as Klaus Schwab calls it - to continue accumulating power and money.

The imposition of the health passport and the so-called vaccination are part of this project. It matters little that the Constitutions of the States and the most elementary principles of law are violated with impunity in the name of an emergency that was artfully provoked; it matters little that eminent personalities of the world of medicine denounce the serious side effects of the gene serum and the criminal management of the pandemic; it matters little that the macroscopic conflicts of interest existing between pharmaceutical companies, medical staff, health officials and mainstream information are well known: their narrative does not contemplate refutations, does not accept criticism, does not tolerate the evidence of the facts.

But if an elite has managed to corrupt the rulers and carry out a real coup against the citizens, we cannot respond locally: if the aggression is global, the action of opposition and resistance must likewise be global. I therefore also renew my invitation to you, who as scientists understand very clearly the danger of the experimental drug, asking you to join an Anti-globalist Alliance, in order to be able to counter this undeclared - but no less ruthless and violent - world war in a unitary and coordinated way.

Our enemy is not the virus, but the insanity of those who betray their duties to the detriment of the community, of those who believe they can impose the Chinese totalitarian model and social credit in our nations, in the name of a communist collectivism that takes away identity and freedom to each of us. This global betrayal must be stopped: let’s respond to corruption with honesty, to lies with truth, to self-interest with generous dedication to public affairs, to the desire for power and money with selfless service and a sense of duty.

We reject not only the pandemic delirium, but the entire castle of horrors of the globalist ideology: the culture of death of abortion and euthanasia, gender theory, the indoctrination of our children, the “cancel culture,” uncontrolled immigration, the demolition of the natural family, the reduction of the protection and wages of workers, the persecution of small businesses. Let’s go back to being proud defenders of traditional values: God, Nation and Family. Let’s return to praying to the Lord, recognizing him as King not only of individuals, but of all nations and societies. Only understanding the war in progress, identifying the opponents and their criminal aims will allow us to resist and win.

If we limit ourselves to looking only at the efficacy of the gene serum, or the reliability of the test swabs, or the response that a single country has given to the spread of the infection, we will never get out.

Remember: if the attack is global, the counteroffensive must also be global. And may God assist and protect us.

+ Carlo Maria Viganò, Archbishop
Former Nuncio to the United States of America

***

Cari Amici,

Permettetemi di rivolgermi a voi, mentre con grande e lodevole impegno denunciate gli aspetti più controversi e inquietanti del siero genico sperimentale. La vostra battaglia per la verità scientifica, assieme ad un’azione sempre più coordinata da parte di moltissimi scienziati e medici in tutto il mondo, sta aprendo gli occhi a molte persone, che si sono lasciate trarre in inganno dalle false promesse delle autorità sanitarie, dai discordanti pareri degli esperti e dalla propaganda mediatica.

Non entrerò nel merito della questione prettamente sanitaria, essendo voi ben più preparati di me: ne sutor supra crepidam. Consentitemi di sottoporre alla vostra attenzione alcune riflessioni, osservando nel suo complesso quanto avviene senza fermarci ai singoli dettagli.

Mi pare ormai evidente che lo scopo principale di questa grottesca pièce sanitaria è l’imposizione di un sistema di controllo degli individui, attuato tramite il cosiddetto green pass. Sappiamo che il passaporto sanitario era stato progettato da tempo, ma che per renderlo obbligatorio occorreva creare un’emergenza pandemica e forzare la popolazione - tramite il ricatto o la minaccia di sanzioni - a lasciarsi inoculare un farmaco sperimentale per il quale il produttore, lo Stato e chi lo inocula non si assumono alcuna responsabilità, riversandola sul paziente. Proprio ieri la FDA ha deciso di rendere pubbliche le motivazioni dell’approvazione del vaccino Pfizer solo nel 2076: mi pare che questo dia ampiamente prova della mente criminale che si cela dietro il paravento della salute pubblica.

Abbiamo quindi un’élite di criminali, riuniti nel World Economic Forum per concepire il Great Reset e nell’ONU per realizzare l’Agenda2030, i quali hanno deciso di decimare la popolazione del pianeta tramite alcuni “scenari” dettagliatamente descritti. Costoro distruggono le economie nazionali, provocano povertà e disoccupazione, creano discriminazioni e violazioni dei diritti fondamentali con il solo scopo di controllare i sopravvissuti, di tracciarne i movimenti, di modificarne la vita, di deciderne il pensiero, di stabilirne lo stato di salute. In quest’opera sono coinvolti i governanti, i funzionari pubblici, i medici, i magistrati, le forze dell’ordine, i media e - come se non bastasse - anche i leader religiosi. Chiamarlo “complotto” è riduttivo: questo è un colpo di stato perseguito a mente lucida e con determinazione compiendo un crimine contro l’umanità. Per controllarci, appunto: per renderci schiavi e clienti di un sistema che sta per implodere, nel quale chi ha tratto maggiori profitti in passato si appresta a compiere la “quarta rivoluzione industriale” - come la chiama Klaus Schwab - per continuare ad accumulare potere e denaro.

L’imposizione del passaporto sanitario e della cosiddetta vaccinazione sono parte di questo progetto. Poco importa che le Costituzioni degli Stati e i principi più elementari del diritto siano impunemente violati in nome di un’emergenza che è stata provocata ad arte; poco importa che eminenti personalità del mondo della medicina denuncino i gravi effetti collaterali del siero genico e la criminale gestione della pandemia; poco importa che siano notori i macroscopici conflitti di interesse esistenti tra case farmaceutiche, personale medico, funzionari della sanità e informazione mainstream: la narrazione ufficiale non contempla confutazioni, non accetta critiche, non tollera l’evidenza dei fatti.

Ma se un’élite è riuscita a corrompere i governanti e a compiere un vero e proprio colpo di stato contro i cittadini, non possiamo rispondere a livello locale: se l’aggressione è globale, globale dev’essere l’azione di contrasto e di resistenza. Rinnovo quindi anche a voi, che come scienziati avete ben chiara la pericolosità del farmaco sperimentale, il mio invito ad aderire a un’Alleanza Antiglobalista, in modo da poter contrastare questa guerra mondiale non dichiarata - ma non per questo meno spietata e violenta - in modo unitario e coordinato.

Il nostro nemico non è il virus, ma la follia di quanti tradiscono i propri doveri in danno della comunità, di quanti credono di poter imporre il modello totalitario cinese e il credito sociale nelle nostre Nazioni, in nome di un collettivismo comunista che toglie identità e libertà a ciascuno di noi. Questo tradimento globale va fermato: alla corruzione rispondiamo con l’onestà, alla menzogna con la verità, all’interesse personale con la generosa dedizione alla cosa pubblica, alla brama di potere e di denaro con il servizio disinteressato e con il senso del dovere.

Respingiamo non solo il delirio pandemico, ma l’intero castello di orrori dell’ideologia globalista: la cultura di morte dell’aborto e dell’eutanasia, la teoria gender, l’indottrinamento dei nostri figli, la “cancel culture”, l’immigrazione incontrollata, la demolizione della famiglia naturale, la riduzione delle tutele e dello stipendio dei lavoratori, la persecuzione della piccola impresa. Torniamo ad essere fieri difensori dei valori tradizionali: Dio, Patria e Famiglia. Torniamo a pregare il Signore, a riconoscerLo come Re non solo dei singoli, ma delle Nazioni e di tutte le società. Solo la comprensione della guerra in atto, l’identificazione dell’avversario e dei suoi scopi criminali ci permetteranno di resistere e di vincere.

Se ci limiteremo a guardare soltanto l’efficacia del siero genico, o l’attendibilità dei tamponi, o la risposta che quel singolo Stato ha dato alla diffusione del contagio non ne usciremo mai.

Ricordate: se l’attacco è globale, globale dev’essere anche la controffensiva. E che Dio ci assista e ci protegga.

+ Carlo Maria Viganò, Arcivescovo

Loading 8 comments...